Questa nota vuol segnalare una circostanza di interesse per coloro che cacciano e osservano le Comete, fatto che risale alla fine del XVIII secolo.
Charles Messier (1730-1817)  francese  e famoso cacciatore di comete, ne scoperse ben 13, e per non perdere tempo e per non confondersi fece un catalogo di oggetti celesti che in qualche modo potevano confondersi con le comete. E’ un  catalogo, oggi, di ben 110 oggetti tra galassie, ammassi globulari, ammassi aperti, nebulose planetarie, e non manca qualche piccolo errore, comunque è ben noto a tutti gli amatori del Cielo.
Carolina Herschel (1750-1848) di origine tedesca, collaboratrice del fratello William (1782-1871) lo scopritore di Urano, Carolina mentre assecondava nelle osservazioni il fratello , per conto proprio scoprì ben 8 comete con un telescopio regalatogli da William.
Ecco i nostri ipotetici contendenti cometari.
Charles Messier scopri le sue 13 comete tra gli anni 1760 e il 1798, mentre Carolina Herschel scoprì le  sue 8 comete tra gli anni 1786 e il 1797.
Appare evidente che il periodo delle osservazioni di comete in comune tra Charles e Carolina è quello che interessò le notti di caccia alle comete della  Herschel.
Il 18.11  aprile 1790 Carolina   Herschel da Slough  in Inghilterra, scopre la cometa C1790 H1 (Herschel), ovvero 1790 III , con il  sistema di nomenclatura in vigore
sino al 1995, nella costellazione di Andromeda (AND) che poi si sposterà in Cassiopea (CAS), mentre in Francia Charles Messier vede la stessa  cometa, di cui ha avuto notizia per primo, il  30 aprile, che poi  il  2 maggio apparirà nei pressi della Galassia di Andromeda, chiamata M31 nel suo catalogo.
Sempre esaminando gli annali storici delle pubblicazioni del tempo emerge che  Messier scoperse la sua dodicesima cometa denominata C/1793 S2 ovvero 1793 I, con il vecchio sistema, il 27.9 settembre 1793 nella costellazione di Ercole (HER) che poi si sposterà nel Serpente (SER) e nell’Ofiuco (OPH), mentre a Slough, Carolina Herschel  scopriva indipendentemente la medesima cometa il 7.83 ottobre nella costellazione dell’Ofiuco (OPH) nei pressi della stella Delta OPH.
Si nota anche che gli Herschel comunicavano con il francese perché Messier aveva già osservato tempestivamente altra tre comete scoperte da Carolina Herschel e precisamente la C/1786 P1, la C/1788 Y1 e C/1790 A1.
Ma perché parlare di competizione allora ? Semplicemente perché l’alternanza della scoperta ora dell’uno ora dell’altra appare come una vera gara fra questi due grandi cacciatori di comete di tanto tempo fa.
URANIO
0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

CONTATTI

We're not around right now.

Sending

©2018 Osservatorio Galilei Tutti i diritti riservati. Relizzazione Web

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Vai alla barra degli strumenti

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca il link seguente per consultare la documentazione su cookie e GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e la relativa informativa GDPR.

Chiudi