Due pubblicazioni ante De Revolutionibus Orbium Caelestium (1543) per comunicare la Teoria Eliocentrica di Copernico. Questa nota vuole ricordare che altre due pubblicazioni hanno annunciato al mondo il sistema eliocentrico prima della stampa e della divulgazione del  “De revutionibus orbium caelestium” di Nicolò Copernico (1473-1543), anche se divulgate in modo ristretto ad uomini di cultura dell’epoca. Le due pubblicazioni coinvolgono lo stesso Copernico ed il suo allievo Giorgio Gioacchino Retico (1514-1574). La prima pubblicazione, dal titolo “Nicolai Copernici – De hypothesibus motuum caelestium a se constitutis commentariolus” e nota con il semplice nome di “Commentariolus”, è del 1514, apparsa quindi ben 29 anni prima della pubblicazione del De Revolutionibus. Era un manoscritto in sei fogli nel quale è esposto una teoria che asserisce che la Terra si muove mentre il Sole è immobile “sexternus Theorice asserentis Terram moveri Solem vero quiescere”. La seconda pubblicazione è la “Narratio prima” del Retico ed è del 1540, scritta dopo che lo stesso Retico aveva letto in anteprima e studiato del sistema copernicano in una copia già scritta del De Revolutionibus e del quale sistema eliocentrico si entusiasmò. Quindi arriviamo al 1543 quando viene presentato a Copernico, sul letto di morte, la prima copia del “De revolutionibus orbium caelestium” stampato a Norimberga dall’editore Johannes Petreius, opera che si svolge sulla traccia dell’Almagesto di Tolomeo e che lo andrà a sostituire nella cultura della Scienza delle Scienze , ovvero nell’Astronomia

URANIO

CONTATTI

We're not around right now.

Sending

©2019 Osservatorio Galilei Tutti i diritti riservati. Relizzazione Web

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Vai alla barra degli strumenti

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca il link seguente per consultare la documentazione su cookie e GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e la relativa informativa GDPR.

Chiudi