• Sulla Luna c’è un ponte ? E’ stata una illusione.

    John J. O’Neill, già redattore scientifico della New York Herald Tribune, mentre osserva la Luna il 29 luglio 1953 con un rifrattore di 10 centimetri di apertura con 200 ingrandimenti, nota con sorpresa che due promontori erano collegati con un grande arco di roccia. Stava osservando la parte orientale del Mare Crisium ed i due promontori erano Olivium e Lavinium. O’Neill informò H. Percy Wilkins, noto selenografo

    Read more

  • Sono arrivati i LED (Light Emitting Diode)

    Abito in una zona periferica di Milano. Nella mia via l’illuminazione pubblica a LED è arrivata il 2 dicembre 2014. In un primo momento sono contento della novità , perché le lampade erano ben dirette verso il basso, dall’alto il bulbo non si vedeva affatto. Mi dicevo : finalmente si ridurrà l’inquinamento luminoso , ad oggi, giugno 2016, tutta Milano ha l’illuminazione

    Read more

  • Somnium

    Somnium, ovvero opera postuma sull’astronomia lunare. L’ombra per salire e scendere dalla Luna. Giovanni Keplero (1571-1630) è ricordato nella storia della scienza per le sue tre famose leggi del Cielo. La Prima sulle orbite che sono ellittiche, La Seconda legge è quella sulle aree, mentre la Terza riguarda i periodi orbitali, tutte intuite con l’aiuto delle osservazioni del grande Tycho Brahe (1546-1601) effettuate nella isola di Hven,

    Read more

  • Si, fu proprio Galileo Galilei e non Simon Marius.

     A scoprire, assolutamente per primo i satelliti di Giove, fu senza ombra di dubbio Galileo Galilei (1564-1642) e non il tedesco Simon Marius (1570-1624). Cerchiamo di ricordare l’evento e chiarire il fatto.Sera del 7 gennaio 1610 a Padova, la Luna quasi piena (lo sarà il 9) brilla ai piedi dei Gemelli , più in alto e  a destra nel Toro

    Read more

  • Si però ! Roma va più forte di Berlino.

    La Terra gira su se stessa attorno ad un asse immaginario che passa per il Polo Nord ed il Polo Sud, chiamato Asse del Mondo. Quindi noi viaggiamo solidali con tutta la Terra e non ci accorgiamo, anzi, ci pare di stare fermi.Unico indizio è il succedersi dal giorno e della notte, al quale però siamo abituati, e non ci prestiamo la dovuta

    Read more

  • Si ! Anche Galileo Galilei commise errori.

    E’ proprio vero che  anche Galileo Galilei (1564-1642) commise errori , alcuni molto gravi. Possiamo dire che almeno in sei prese di posizione errate fu variamente danneggiato : 1,  La sua interpretazione sulle Comete. 2,  Lo strano modo di giustificare le Maree . 3,  Si schierò contro il sistema di Tycho Brahe (1546-1601) adottato da Gesuiti. 4,  Non riconobbe le

    Read more

  • Serendipità in Astronomia

    La serendipità è una recente espressione, dall’inglese “Serendipity ” parola coniata dallo scrittore inglese Horace Walpole (1717-1797) per indicare una scoperta casuale ed inattesa, in breve una scoperta avvenuta mentre si cerca un’altra cosa. Ed in astronomia abbiamo sette casi eclatanti, fra i tanti, di sicura serendipità. Eccoli : 1676 Ole Christensen Roamer (1644-1710), danese, mentre calcolava la longitudine conl’osservazione dei

    Read more

  • Se la Luna brillasse davvero!

    E’ noto che la Luna, a volte disturba le osservazioni del Cielo con la sua luminosità in particolar modo nei pressi della fase di Luna Piena, ovvero tra il primo e l’ultimo quarto circa. Ma consideriamoci ugualmente fortunati perché se la Luna fosse molto più brillante le cose si metterebbero nel peggiore dei modi. Vediamo. L’albedo è la capacità riflettente di un oggetto

    Read more

  • Schiaparelli e la cometa delle Perseidi

    Giovanni Virginio Schiaparelli (1835-1910) fu un grande astronomo della seconda metà dei diciannovesimo secolo. Fu direttore dell’Osservatorio di Milano-Brera dal 1962 al 1900. Non ancora direttore di Brera venne a saper dal direttore di allora Francesco Carlini  (1783-1862) che a Firenze era stata scoperta il 22 luglio 1862, indipendentemente,  una cometa, già scoperta il  16 luglio 1862 da Lewis Swift

    Read more

  • Saturno e l’anagramma di Galileo Galilei (1564-1642)

       Il 1610 è l’anno dell’uso astronomico del cannocchiale, anche se è ancora un po’ rudimentale.Abbiamo la prima notizia della scoperta di Saturno come un oggetto tricorporeo in una lettera di Galileo a Belisario Vinta, politico fiorentino (1542-1613) ,  del30 luglio 1610 da Padova.In tale lettera annuncia la scoperta di una “stravagantissima meraviglia” , ovvero che Saturno non è solo ma composto di tre

    Read more

CONTATTI

We're not around right now.

Sending

©2019 Osservatorio Galilei Tutti i diritti riservati. Relizzazione Web

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Vai alla barra degli strumenti

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca il link seguente per consultare la documentazione su cookie e GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e la relativa informativa GDPR.

Chiudi